Strada Statale 554- Interventi per 233 milioni.

Questa mattina insieme all’assessore Angela Nonnis, ai rappresentanti della Provincia e dei sindaci interessati, ho presentato il decreto definitivo sulla programmazione delle risorse e pianificazione degli interventi relativi alla Strada Statale 554. Stiamo cercando di dotare la nostra regione di un sistema di infrastrutture che garantisca la continuità territoriale interna e gli interventi sulla Statale 554 rientrano pienamente in questa prospettiva, così come la Sassari-Olbia, gli accordi di programma sulla mobilità ciclabile per l’area vasta di Cagliari e di Sassari, la strada Carbonia-San Giovanni Suergiu-Giba già finanziata con i primi 38 milioni del Piano Sulcis. In seguito alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale delle delibere Cipe sul Piano per il Sud 62/2011 e 93/2012, il quadro finanziario complessivo per l’eliminazione degli svincoli a raso dell’ importante arteria stradale prevede 233,2 milioni di euro. Sulla base di queste risorse il provvedimento dell’assessore, varato il giorno dopo la pubblicazione della delibera, suddivide gli interventi in 6 lotti individuando gli enti attuatori e le modalità di esecuzione che dovranno dare avvio, quando previsto, al completamento della progettazione e alle successive pubblicazioni dei bandi. I primi provvedimenti ad essere varati in tempi molto brevi, saranno le deleghe ai Comuni. Oltre all’eliminazione degli incroci, i progetti sulla 554 prevedono l’adeguamento dell’asse principale, degli svincoli e delle relative complanari, curati principalmente dall’Anas, allo scopo di risolvere le problematiche recentemente sollevate sugli accessi alle proprie aziende dai titolari delle attività commerciali e artigianali. I lavori sull’asse stradale e sulle intersezioni rientrano nelle competenze della Società nazionale Strade. Le opere che prevedono lo scavalco dell’asse viario senza intervenire sulla strada statale saranno realizzate direttamente dall’assessorato dei Lavori Pubblici. Alcuni interventi relativi alla viabilità complementare saranno affidati dalla Regione ai Comuni mediante l’istituto della delega. Quest’ultimo aspetto, ossia il dialogo e la collaborazione costante con chi rappresenta le varie comunità sia l’elemento qualificante e allo stesso tempo la forza di queste azioni.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: