Uno shock per contrastare la lentezza della burocrazia.

20130319-180423.jpg
“Una serie di azioni per dare luogo ad un vero e proprio shock anti-burocrazia”. Così il presidente della regione, Ugo Cappellacci, annuncia l’approvazione durante l’odierna riunione della Giunta di una delibera destinata a contrastare le lentezze della pubblica amministrazione. “É intollerabile – osserva Cappellacci – che i tempi della pubblica amministrazione siano diversi da quelli che tutti noi viviamo nel quotidiano come cittadini, lavoratori, imprenditori, studenti eccetera. Per questo – ha aggiunto il presidente – occorre una netta distinzione tra la buona amministrazione e quella che invece non rispetta i cittadini. Il rispetto dei tempi di ogni procedimento – evidenzia Cappellacci – sarà ancorato alla valutazione del responsabile e la mancata o tardiva emanazione del provvedimento sarà elemento di valutazione della performance individuale nonché di responsabilità disciplinare e amministrativo-contabile del dirigente e del funzionario inadempiente. Abbiamo inoltre istituito – prosegue il presidente – la figura del sostituto del responsabile del procedimento, che subentra nel caso di inerzia del responsabile: ciascuna Direzione Generale dovrà nominare tale figura. L’elenco sarà pubblico e consultabile sul sito Web istituzionale della Regione. Inoltre – prosegue Cappellacci – abbiamo stabilito che il Piano della Performance ed il Programma Triennale per la trasparenza e l’integrità, che saranno approvati entro il 30 maggio, saranno strettamente collegati alle misure anti-corruzione, per sottolineare la necessità di contrastare le patologie della pubblica amministrazione con azioni volte a incrementare la trasparenza della stessa”.

Annunci

Comments

  1. Occorre rispondere a Soru anche per divulgare in Face e nei ns blog.
    saluti
    mario nanni
    http://www.maralai.ilcannocchiale.it

    RENATO SORU – 11.04.2013

    «Si parla solo di Zona Franca e tutti vogliono credere alla possibilità che a breve non pagheremo più l’IVA o accise sulla benzina. Mi spiace ma è del tutto illusorio anzi peggio. Tra le altre cose, Le ricordo che come Regione a statuto speciale abbiamo il privilegio di ricevere dallo Stato il 90% dell’ IVA riscossa in Sardegna e il 75% delle accise. La Lombardia leghista lotta per molto meno. Se non ci fossero più le accise che finanziano circa un terzo della sanità chi pagherebbe per ospedali, medici e medicine? Se non ci fosse più l’IVA chi pagherebbe per la rimanente spesa sanitaria o per il trasporto pubblico locale o per i servizi sociali della Legge 23, o per il fondo unico trasferito ai comuni?
    Qualcuno può pensare che le nostre spese verranno tranquillamente finanziate dalla crescita dei trasferimenti dello Stato tra i più indebitati del mondo? O c’e da aspettarsi qualche altro prodigio che io non conosco? O forse preferiamo cancellare l’IVA e pagare poco la benzina ma rinunciare a servizi che oggi ci vengono resi?
    Purtroppo è una burla.»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: