La mia replica a Bonanni. Autonomia arma di difesa dei Sardi.

cappellacci

“Se l’Autonomia della Sardegna ricalcasse veramente un modello di carattere statale, avremmo avuto meno difficoltà a risolvere le questioni ancora aperte con un Governo nazionale, che nel corso degli anni si è dimostrato a dir poco restio a riconoscere diritti ed aspettative legittime di un popolo che non chiede privilegi né assistenzialismo, ma solo quanto gli spetta per camminare con le proprie gambe”. Così il presidente Cappellacci commenta le dichiarazioni del segretario nazionale della CISL, Raffaele Bonanni. “Tra le questioni ancora aperte spiccano quella relativa alla vertenza entrate, ancora non pienamente risolta, e quella inerente ad un patto di stabilità che ci impedisce di dare piena attuazione alle politiche rivolte alle famiglie, al lavoro e alle imprese. A queste si aggiunge la problematica della continuità territoriale marittima che ha sempre visto gli esecutivi nazionali dalla parte degli armatori, in particolare di un cartello di speculatori, e mai dalla parte della nostra isola. E’ grazie all’Autonomia che i sardi, anche con i referendum regionali, hanno avuto la possibilità di far alzare subito la loro voce per dire no a chi avrebbe voluto calare dall’alto la decisione di trasformare la nostra isola in una pattumiera nucleare. Per questo lo Statuto Speciale rappresenta e deve continuare ad essere uno strumento di difesa degli interessi della nostra terra non solo da uno stato patrigno, ma anche da poteri assai forti economicamente e politicamente e interessati a speculare a discapito della Sardegna. Ed è solo grazie all’Autonomia – sottolinea il presidente- che abbiamo avviato un’azione di riduzione dei costi della politica, anticipando di fatto le altre Regioni e lo Stato, giungendo anche alla riduzione dei componenti del Consiglio regionale. Poiché da parte gli organismi centrali dello Stato non c’è stata un’azione analoga e restano in piedi vecchie rendite di posizione, appare assurdo ipotizzare che il cambiamento possa giungere da una centralizzazione di poteri e funzioni nelle mani di organismi che hanno predicato il rigore, ma lo hanno messo in pratica solo per gli altri. Peraltro tale posizione stride con quella dei sindacati regionali, che chiedono a gran voce l’esatto opposto: una strenua difesa dell’Autonomia e un’azione determinata su quella che è nota come la vertenza Sardegna. Insomma – ha concluso Cappellacci – la nostra isola è in credito verso uno Stato che ad oggi resta un debitore moroso, la questione sarda ancora stenta a trovare la rilevanza che merita nell’agenda politica nazionale. Per questo l’Autonomia regionale è quanto mai attuale e necessaria per costruire l’autonomia dei cittadini sardi di poter sviluppare il proprio percorso di vita a condizioni pari con i nostri concittadini italiani

Annunci

Comments

  1. Per questo le chiedo:
    ZONA FRANCA SUBITO

  2. Mario Noce says:

    SARDEGNA INDIPENDENTE (IN UNO STATO FEDERALE) E ZONA FRANCA IMMEDIATA

  3. Guai a quei politici che in nome del Dio denaro e di privilegi di casta,fregandosene del bene dei sardi, ne calpestano i sacrosanti diritti.La zona franca e’l’ancora di salvezza di un popolo che vuole crescere,crearsi il benessere da donare alle generazioni future.Basta con l’emigrazione,il lavoro sul territorio si costruira’sviluppando il turismo.

  4. quoto il sig.claudio e condivido.al sig. cappellacci consiglio di essere meno morbido davanti a gente bche non conosce minimamente la realta e la questione sarda.dell’autonomia pero’ e’ vero che difende poco a livello statutario la nostra isola.

  5. Sacrosanto

  6. SPERIAMO PRESIDENTE CHE ALMENO LEI RIESCA A TROVARE UNA SOLUZIONE ALLA CRISI ECONOMICA CHE STA COLPENDO LA NOSTRA ISOLA, IL POPOLO E STANCO DI VEDERE E SENTIRE DI GENTE AL GOVERNO CHE SI FA LA GUERRA AL POTERE PER PORTARCI VIA ANCHE QUEL PO’ DI RISPARMI CHE ANCORA QUALCUNO DI NOI PUO’ AVERE, UN POPOLO STANCO EQUIVALE AD UN POPOLO DELUSO DALLE SUE ISTITUZIONI, OGGI ABBIAMO MIGLIAIA DI AZIENDE CHE CHIUDONO PERCHE’ NON CI SONO PIU’ I PRESUPOSTI PER STARE APERTI, PERCHE LE FAMIGLIE TIRANO ANCHE IL CENTESIMO PER ARRIVARE A FINE MESE, FACCIA IN MODO PRESIDENTE CHE IL POPOLO SARDO NON SIA ANCORA CALPESTATO DALLE ISTITUZIONI, ABBIAMO NECESSITA’ DELLA ZONA FRANCA INTEGRALE SIA PER SALVARE LE AZIENDE CHE PER LE FAMIGLIE, NON PER ARRICHIRCI MA PER CAMPARE IN MODO DECENTE.

  7. Molto bello il blog… pero’ aspetto nuovi post, e’ da troppo tempo che non ci sono aggiornamenti. Vabbe’, intanto mi sono iscritto ai feed RSS, continuo a seguirvi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: