Opere d’arte della Regione: la nostra denuncia ai Carabinieri.

manifattura

Nell’Aprile del 2013 la ricognizione, la denuncia e la proposta di renderle fruibili per tutti, non solo per pochi eletti.

Fu la nostra Giunta la prima a compiere una ricognizione dettagliata delle opere d’arte presenti negli uffici regionali, a scoprire gli ammanchi avvenuti tra il 1950 e la catalogazione, e a denunciarli al Comando dei Carabinieri per la tutela del patrimonio culturale già il 17 Aprile del 2013 per ben 343 esemplari tra dipinti e sculture.

Il fatto che tale azione di catalogazione, denuncia e recupero prosegua è un fatto positivo, ma auspichiamo che si vada avanti anche su un altro aspetto già deliberato dalla nostra Giunta: i quadri e le altre opere sono pubblici e pertanto anche la loro fruibilità deve essere per tutti e non solo per pochi eletti. In sintesi, restituiamo davvero le opere ai sardi. Sempre nel 2013 deliberammo di realizzare un’esposizione permanente dei quadri e delle altre opere d’arte moderna e contemporanea di proprietà della Regione Sardegna da allestire nei locali dell’ex Manifattura Tabacchi di  Cagliari, quale istituzione permanente aperta al pubblico, che, in armonia con i principi sanciti dall’articolo 9 della Costituzione, acquisisce, conservasse, ordinasse ed esponesse i beni culturali, salvaguardando e portando a conoscenza dei cittadini testimonianze di cultura materiali e immateriali, a fini di studio, di educazione e di diletto.

L’idea era quella di esporre le opere originali presso il complesso della ex Manifattura e di realizzare, per quanto concerne i quadri, attualmente allocati negli uffici regionali e destinati all’esposizione permanente, adeguate copie degli stessi a cura di giovani artisti sardi. Sembra che nelle scorse settimane la Giunta regionale abbia deciso di abbandonare l’idea di valorizzare la Manifattura come spazio destinato alla Cultura, all’Arte e al Turismo e di aprirla ai cittadini sardi e ai visitatori. Noi riteniamo che invece l’idea di uno spazio pubblico a vocazione turistico-culturale e soprattutto quella di restituire alla fruibilità pubblica le opere di proprietà della Regione continui ad essere valida e meritevole di essere rilanciata, non accantonata.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: