Renzi imbroglia la Sardegna e scappa.

Italian Prime Minister's "end of the year" press conference

“Renzi è un latitante politico, in perenne fuga dalle sue responsabilità”. Lo ha dichiarato Ugo Cappellacci, coordinatore regionale di Forza Italia-Sardegna, commentando le dichiarazioni del presidente Pigliaru riguardo al cosiddetto patto per la Sardegna. “Un anno fa –prosegue l’esponente azzurro- davanti al Mater Olbia il premier prometteva un immediato ritorno dopo l’estate 2015 per parlare di soluzioni e non più di problemi, ma nessuno ha più visto lui né i suoi rimedi miracolosi. Dopo un incontro con il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, il presidente Pigliaru parlò di un esame preliminare delle priorità da affrontare. Una settimana fa, complice il clima pre-elettorale, sembrava che la svolta fosse imminente e oggi leggiamo che è lo stesso Pigliaru a dichiarare l’accordo sarà firmato quando ci saranno certezze. Finora l’unico patto firmato – evidenzia l’esponente azzurro- è l’accordo patacca con cui la Sardegna è stata imbrogliata sui soldi ancora dovuti dallo Stato. L’esecutivo continua pubblicamente a millantare risultati strabilianti, ma poi è costretto, dopo aver ritirato tutti i ricorsi promossi da noi, a proporne un altro per tentare disperatamente di rimediare alla propria follia politica. Ecco cosa scrivono loro stessi nell’atto di promovimento:Appena 17 mesi dopo la stipula  e  15  mesi  dopo  il  suo recepimento da parte del legislatore statale, le chiarissime clausole di quell’accordo tra lo Stato e la Regione sono state stravolte con il comma 680 impugnato. In conclusione, infatti, il comma in esame: impone nuovi contributi alla finanza pubblica a carico  della Regione  Sardegna,  senza  far  precedere  tale  imposizione  da  una regolazione pattizia tra lo Stato e la Regione; impone alla Regione Sardegna di conseguire risparmi di  spesa in settori che sono  definiti  non  in  via  autonoma  dalla  Regione medesima bensi’ con decisione assunta dalle altre Regioni e  Province Autonome (che, in forza del comma in oggetto, si trovano ad avere  un titolo per ingerirsi nelle determinazioni di bilancio  della  Regione Autonoma della Sardegna) o addirittura dello Stato;  recando  una  clausola  di  salvaguardia  del  solo   accordo stipulato tra lo Stato e la Regione Trentino-Alto Adige e le Province Autonome di Trento e Bolzano, ha violato  l’accordo  stipulato  dallo Stato con la Regione Autonoma della Sardegna in data 21 luglio 2014 e ha derogato le previsioni di cui ai commi 9-12 dell’art. 42 del  d.l. n. 133 del  2014  che  avevano  recepito  le  clausole  del  predetto accordo; in particolare, e’ violata la clausola di cui all’art. 3  del predetto accordo, trasposta nell’art. 42, comma 10, del d.l.  n.  133 del  2014,  che  stabilisce  che  la  Regione   Sardegna   garantisce l’equilibrio del proprio bilancio ai sensi dell’art. 9 della legge n. 243 del 2012. Insomma – evidenzia Cappellacci- Renzi gli ha sfilato un miliardo sotto il naso e loro finora non hanno battuto ciglio. Non firmino altri accordi-fregatura e si apra una seconda vertenza, senza sconti, con lo Stato per ottenere la restituzione del maltolto, che veda il pieno coinvolgimento di tutti”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: