Patto per la Sardegna: no a nuovi bidoni.

IMG_3973

“No a nuovi bidoni di Renzi. Anziché continuare a nascondersi nelle riunioni di partito, Pigliaru riferisca in Consiglio regionale circa i contenuti, le cifre e le fonti di finanziamento del cosiddetto patto per la Sardegna”. Lo ha dichiarato Ugo Cappellacci, coordinatore regionale di Forza Italia Sardegna. “E’ ancora fresco – prosegue l’esponente azzurro- il ricordo dell’accordo-fregatura siglato dal presidente con il ministro Padoan: annunciarono un miliardo in più e poi la Sardegna, uno scippo dopo l’altro, si è ritrovata con un miliardo in meno e con un debito di 700 milioni di euro di mutuo. Per due anni hanno parlato di interlocuzioni serie, di risultati storici, di svolte, ma oggi sono loro stessi ad ammettere che appena 17 mesi dopo la stipula  e  15  mesi  dopo  il  suo recepimento da parte del legislatore statale, l’accordo tra lo Stato e la Regione è diventato carta straccia. Nei comunicati continuano a dire il contrario, ma lo hanno messo nero su bianco nel ricorso promosso davanti alla Corte Costituzionale: decisione tardiva, visto che avevano già ritirato tutti i ricorsi promossi dalla giunta di centro-destra nella precedente Legislatura e, fatto vergognoso, perfino rinunciato ai benefici di quelli già vinti da noi. Per anni hanno ignorato con supponenza il nostro grido di allarme, hanno esaltato gli accordi mentre in privato maledicevano il giorno in cui hanno firmato. E’ sempre il loro ricorso ad ammettere che lo Stato impone nuovi contributi alla finanza pubblica a carico  della Regione  Sardegna,  senza  far  precedere  tale  imposizione  da  una regolazione pattizia tra lo Stato e la Regione e impone alla Regione Sardegna di conseguire risparmi di  spesa in settori che sono  definiti  non  in  via  autonoma  dalla  Regione medesima bensì  con decisione assunta dalle altre Regioni e  Province Autonome o addirittura dello Stato. Insomma, mentre in preda all’ebbrezza politica vagheggiavano di agenzia delle entrate regionale, lasciavano che Renzi portasse via il salvadanaio della Sardegna. Ora tornano alla carica con nuovi annunci, con risorse vecchie contrabbandate come nuove, facendo finta, nonostante ormai siano arrivati a metà mandato, di essere appena arrivati. Prima di firmare qualsiasi altro atto, il presidente della Regione venga in Consiglio regionale, porti il confronto nell’unica sede legittima e rappresentativa. Il fatto che eluda il confronto in Aula e il coinvolgimento dell’opposizione la dice lunga sulla serietà delle interlocuzioni in corso. La smetta di giocare a carte coperte per coprire le manchevolezze del Governo e il fallimento di trattative che hanno fatto perdere all’isola centinaia di milioni di euro. Dimostri con i fatti di avere a cuore prima la Sardegna e poi la fazione di appartenenza”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: