Cagliari: sì allo stadio, no al piano Soru.

elia

Un’immagine del piano Soru-Koolhaas

“Quando si tratta di mandare avanti progetti strategici per le città, perfino la Giunta regionale si accorge che il PPR, nell’edizione soriana riesumata da Pigliaru, rappresenta un ostacolo e fa di tutto per scavalcarlo”. Lo ha dichiarato Ugo Cappellacci, coordinatore regionale di Forza Italia, commentando l’approvazione da parte della Giunta regionale di una delibera preminente tesa a riconoscere l’interesse generale e di rilevanza regionale dell’intervento proposto dal Comune di Cagliari e finalizzato alla realizzazione del distretto degli sport velici nel comparto di Marina Piccola. “L’atto – prosegue l’esponente azzurro- segue di poche settimane un’altra identica delibera sulla zona dello stadio S. Elia. “Anche qui – prosegue l’esponente azzurro- per realizzare un nuovo impianto si ritiene necessario adottare una variante urbanistica. Tutto questo avviene dopo che la stessa Giunta regionale ha firmato con il Comune un accordo per adeguare il PUC al PPR. Evidentemente né il sindaco né il presidente della Regione credono negli atti che sottoscrivono, se, di fatto, quando c’è la volontà di accelerare, scelgono una strada diversa. Anche perché Pigliaru ha infilato tutti i Comuni della Sardegna in un ginepraio: prima dovrebbero adeguarsi al vecchio PPR di Soru, poi, se mai verrà, a quello nuovo (promesso per l’estate 2014, dopo la cancellazione inopinata dalla revisione operata da noi) e infine ad un’eventuale nuova legge urbanistica. Restano perplessità circa la necessità di una variante urbanistica per realizzare un nuovo stadio dove c’è già e dove tutte le disposizioni urbanistiche consentono già di demolire il vecchio impianto e realizzarne uno nuovo. Sempre che l’intento sia quello di fare uno stadio, fatto di per sé condivisibile e da noi sostenuto con gli atti (come la delibera della mia giunta regionale n. 51/37 del 17 Novembre 2009), e non quello di tornare, passo dopo passo, al piano di cementificazione e ai palazzi ipotizzati dalla Giunta Soru con il master plan dell’archistar Rem Koolhaas, che prevedeva fino a 1 milione di metri cubi di cemento in più nel rione S. Elia. Noi siamo per la realizzazione del nuovo stadio e saremo a favore di qualsiasi progetto che valorizzi la vocazione sportiva e turistica della città, ma nessuno pensi di passare inosservato e di utilizzare lo stadio come foglia di fico per operazioni speculative. Non si torni indietro all’epoca dell’ipocrisia, delle finte regole rigide per tutti, derogate in casi bene individuati o bene individuabili”.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: